CHI SONO

Per i curiosi mi chiamo Stefano e vivo a Genova.

La mia avventura informatica inizia nel 1984 quando acquistai alla GBC il Sinclair ZX Spectrum + (gia' boxato) per soli 330.000 lire con interfaccia joystick Kempston collegato a TV b/n Minerva e a colori Bang&Olufsen Beovision 2000. Come registratore per le numerose cassettine acquistate in edicola usavo il registratore Hitachi e successivamente l'Irradio IR-50 con doppia piastra e equalizzatori.
Decisi di mandare in pensione lo Spectrum nel 1992 (credo!) dopo l'acquisto di un 486DX33 con 4Mb di ram e scheda grafica ET4000; per far spazio lo vendetti a 150.000 lire.

Tornato nelle mie mani nel 2002. Nel 1997 acquistai il PII e nell'Ottobre 2003 il P4 che uso attualmente. Il PII viene tutt'ora usato come "SuperSpectrum" tramite gli emulatori per evitare di rovinare il mio originale Sinclair e per campionare le cassettine delle edicole dato che la scheda audio (Soundblaster Pro) campiona meglio della SoundMax onboard presente sul P4.
Ecco la mia attuale configurazione:
Come si intravede dalla foto scattata sulla sinistra telefono Siemens cordless Gigaset 1000S (linea telefonica "voice over ip"), monitor Philips Brilliance 15" 1280x1024 85Hz, palmtop Casio Poket Viewer PV-S450 4M, microfono per videocomunicazione, portatile Compaq Armada PIII 300P; sotto il portatile: scanner SCSI ScanMaker IIHr usato per le scansioni delle cassettine del sito; sotto lo scanner PII; Stampante Epson Stylus Color 680C; sotto tutto (dove ci sono le lucine) "hag" per collegamento a internet Fastweb (collegato a fibra ottica 10Mb/s). Il sistema principale e' composto da un P4 assemblato a pezzi dal sottoscritto composto da scheda madre Asus P4PE-X con FSB800, processore P4 2.4Ghz 800FSB, scheda video Asus V9180Se (Geforce 4 con uscita TV), 256Mb di RAM (con prossimo upgrade a 512), scheda di acquisizione TV PCTV Pinnacle.

. Come potete notare si intravede sul tavolino davanti al monitor il mio cellulare Siemens S25: il primo cellulare con display a colori!
Altro pc in mio possesso: Olivetti M4 P100. Si tratta dell'ultimo prodotto Olivetti con scheda madre prodotta dalla Olivetti stessa con 64Mb di ram, scheda di rete 100Mb/s; cassettine DDS1 per backup via rete del pc principale da 4Gb; scheda SCSI (per lo scanner e le cassette).

Questa e' la sua tastiera.

Altro computer:

DEX (Computer Discount) 486DX2 con 8Mb di ram e slot EISA. Diventera' ben presto uno Sprinter!
Altro computer in mio possesso:

Atari 520ST Fm (con uscita tv), chip AY come per lo Spectrum, interfacce disco rigido (una sorta di SCSI) proprietaria, porta Joystick e/o mouse, porta floppy esterna (anche se un drive è già nella tastiera stessa) e porta parallela. Direi che dopo lo Spectrum e' stato il piu' bel computer che ho avuto e che tutt'ora possiedo.
Possiedo poi un CIP03 (clone rumeno dello Spectrum) con 64K di ram, clone z80 che a differenza del suo predecessore CIP02 ha il Sinclair Basic in Rom e non e' necessario caricarlo da cassetta riducendo pero' con l'area basic un po' di ram.

Infine un Olivetti Prodest PC128S

clone BBC Master acquistato alla modica cifra di 3 euro. Non sono un retrocomputerista ma mi piace avere tutti i computers da sempre bramati e desiderati che solo ora posso permettermi di avere. Tra questi appunto l'Olivetti Prodest e l'Atari ST.. questi sconosciuti di cui ho sempre sentito parlare ma sui quali non ho mai avuto la possibilita' di mettere le mani. Non ho mai acquistato (anche avendone avuto piu' volte la possibilita') computers come il C64, l'Amiga ecc. nonostante i prezzi fossero molto abbordabili o talvolta anche gratuiti. Per completare la mia "collezione" sto cercando (e ho gia' trovato) un Apple Macintosh Classic (quello ancora col monitor b/n che e' stato il capostipite dei Mac attuali e che ha avuto un successo non indifferente) e un Acorn Archimedes: il famoso "Archie" che e' stato il primo pc destinati a un uso "home" con processore ARM Risc e il sistema operativo Risc OS che e' stato uno dei primi sistemi operativi a finestre dopo il System del Mac, il sistema operativo degli Apollo HP e il sistema usato dal QL.
Attualmente gestisco, oltre a questo sito, anche il "portale" http://busgenova.altervista.org. I miei interessi oltre al retrocomputing sono i trasporti urbani, l'aviazione civile e la cultura dell'Est europeo.

TORNA ALL’INDICE